Le interviste di Face Xp: Dott. Walter Rodenghi

di Redazione

Walter Rodenghi esperto in ortodonzia

Uno dei valori della vostra associazione è la trasparenza nella relazione di cura con il paziente.
In che modo lei e il suo studio impostate un rapporto trasparente di cura con il paziente e con la sua famiglia quando necessario?

Ritengo fondamentale, in quanto medico, sottolineare l’importanza della dimensione etica professionale. Nel corso degli anni, partendo da tali presupposti, ho creato assieme a collaboratori ispirati dai medesimi principi, un percorso diagnostico e terapeutico teso ad offrire, non solo il massimo livello di competenza, professionalità, cura dei dettagli, ma anche affidabilità e trasparenza. In tal senso, l’aspetto comunicativo rappresenta certamente un elemento base imprescindibile, per l’instaurarsi di un rapporto medico/paziente basato sulla stima e fiducia reciproca. Sia nelle primissime fasi (conoscitive e diagnostiche), così come nelle fasi che ad esse seguono, vengono dedicati spazi e tempi consoni, tesi ad offrire la massima attenzione alle esigenze del singolo, ed instaurare fin dal principio, un canale comunicativo interpersonale aperto ed efficace. Il paziente e/o gli eventuali famigliari vengono informati e resi partecipi di qualsivoglia dettaglio, con particolare attenzione alla fruibilità delle informazioni e la massima disponibilità ad eventuali approfondimenti. Per facilitare ulteriormente la comprensione clinica della situazione di partenza, del piano di trattamento, della sua evoluzione, ed i risultati progressivamente raggiunti, ma soprattutto, per rendere il paziente stesso, vero ‘’protagonista’’ del cammino intrapreso, i casi vengono documentati e quindi delucidati durante gli incontri medico/paziente/famigliari regolarmente previsti.

Il paziente al centro è uno dei grandi temi della sanità. Nel 2001 l’Institute Of Medicine ha decretato i criteri che la medicina con l’approccio del paziente al centro deve avere.
Quanto è importante per voi e in che modo coinvolgete il paziente per renderlo responsabilmente partecipe alla cura?

Nonostante la tangibile evoluzione dell’ortodonzia odierna, la scelta ragionata tra le opzioni terapeutiche disponibili e l’elevata personalizzazione di ciascun caso, il percorso ortodontico necessita tutt’oggi di una solida componente motivazionale e collaborativa da parte del paziente.

Come terapeuti, pertanto, risulta fondamentale dirigere la propria attenzione, non esclusivamente alla risoluzione clinica del caso, bensì al soggetto fruitore della cura, poiché dimensione biologica, psicologica e sociale, risultano essere inscindibilmente fuse tra loro; partendo da tali presupposti, mi pare opportuno far comprendere al paziente, al meglio delle mie capacità, come l’obiettivo primario della cura non riguardi unicamente la creazione di un’occlusione perfettamente integrata nell’equilibrio dento/facciale, ma con essa, l’ottenimento di un netto miglioramento della qualità di vita.

Ritengo importante quindi, affrontare preliminarmente quest’aspetto nelle sue varie sfaccettature, unitamente a ciascuno dei dettagli di cura (opzioni terapeutiche, tipologia d’apparecchiatura, durata, modalità, implicazioni economiche, ecc..) durante la discussione del piano di trattamento, che rappresenta, a mio parere, un momento chiave nel contesto del cammino terapeutico; è infatti in tale sede che il paziente viene reso partecipe e responsabilizzato sulle ragioni e la fondatezza del percorso terapeutico, ragionato ed individuato secondo scienza e coscienza. Qualora si raggiunga un consenso di intenti, ed il paziente manifesti la volontà di riporre la propria fiducia nel terapeuta, la decisione consapevole di aderire al progetto di cura potrà essere sancita con la sottoscrizione del consenso informato.

Il valore del sorriso è ormai noto, sia dal punto di vista funzionale (una corretta masticazione influisce direttamente sulla digestione e sugli equilibri muscolari e sulla salute dell’articolazione temporo-mandibolare) che dal punto di vista psicologico (il sorriso è la distanza più breve tra le persone).
Come si stabilisce il livello di complessità di un caso ortodontico?

Ogni caso che giunge alla nostra attenzione possiede caratteristiche peculiari, così come peculiare è ciascun paziente nella sua unicità; nonostante ciò la solida esperienza acquisita negli anni e l’elevata formazione maturata, ci consentono di effettuare una valutazione predittiva della complessità del singolo caso, e di affrontarlo al meglio. Ciò nonostante possono presentarsi, talvolta, delle ‘’ sfide cliniche’’. Numerose sono, infatti, le variabili potenzialmente complicanti il piano terapeutico; prima tra tutte credo sia certamente la multidisciplinarietà di alcuni casi. Sarebbe impossibile infatti scindere l’aspetto ortodontico, ad esempio, dall’aspetto parodontale, conservativo o gnatologico, tutti di eguale importanza; di conseguenza, effettuiamo preliminarmente un’attenta valutazione integrata del paziente, servendoci delle più moderne tecniche diagnostiche, forti della sinergia lavorativa affinata negli anni con eccellenti specialisti.
Questo, al fine di creare un piano di trattamento efficace ed altamente coordinato, nel contesto di un lavoro d’equipe, che punti al raggiungimento degli obbiettivi di trattamento: esaudire le legittime esigenze del paziente, donandogli un’occlusione bilanciata e quindi altamente funzionale, perfettamente integrata nel contesto di tessuti orali e periorali sani, nonché un sorriso esteticamente valorizzato, che risulti  in equilibrio armonico  col viso e ne potenzi la bellezza naturale .

Un tratto che vi accomuna è il network multidisciplinare. A prescindere che esercitiate nei vostri studi o in consulenza presso altri professionisti, ogni socio Face conta su una rete di professionisti che interagiscono e si coordinano per il bene del paziente, affinché tutti gli aspetti di salute siano presi adeguatamente in carico e risolti contemporaneamente.
Quali sono i tratti distintivi dei professionisti Face Xp?

Credo che la parola chiave sia ‘’Professionisti’’.  Sono da sempre fermamente convinto, dell’esigenza di mantenere ed accrescere l’eccellenza nella nostra professione, offrendo a coloro che ripongono in noi tanta fiducia, innovazione ed il massimo livello qualitativo, sempre. Forte di ciò, credo che rafforzare la collaborazione tra professionisti mossi dal medesimo entusiasmo, energia, abnegazione, dalla medesima tensione al perfezionamento, dia un valore aggiunto al nostro operato. Possiamo infatti vantare di una stretta ed intensa sinergia e simbiosi di lavoro, di un aggiornamento preciso e costante nel tempo, di una formazione di massima qualità, e di una fattiva multidisciplinarietà professionale, aspetti questi che permettono di dare maggiore qualità alla nostra professione, ma specialmente ai nostri pazienti.

CHIEDI ALL’ORTODONTISTA

Hai un dubbio sulla salute orale? Scrivi, ti risponde un Esperto in Ortodonzia di Face Xp.

Accetto Privacy Policy
Tutti i campi sono obbligatori

SAI COME PRENDERTI CURA DEL SORRISO?

Scarica gratis gli opuscoli ortodontici! Gli Esperti in Ortodonzia Face Xp spiegano passo passo come avere cura della salute orale di adulti e bambini.