Le interviste di Face Xp: Dott.ssa Valeria Assumma

di Redazione

Valeria Assumma esperto in ortodonzia

La Dott.ssa Valeria Assumma, specialista in ortodonzia e socia fondatrice Face Xp, esercita da più di 20 anni in modo esclusivo l’ortodonzia con sua sorella Roberta, proseguendo una tradizione familiare intrapresa dal padre, il Dott. Ignazio Assumma, fondatore del Centro Napoletano di Ortodonzia. Nel suo lavoro è affiancata da un valido team di professionisti, in un ambiente tecnologicamente all’avanguardia.

Uno dei valori della vostra associazione è la trasparenza nella relazione di cura con il paziente.
In che modo lei e il suo studio impostate un rapporto trasparente di cura con il paziente e con la sua famiglia quando necessario?

La trasparenza è alla base di ogni rapporto medico-paziente e rappresenta uno dei principali obiettivi del nostro Centro, sia per quanto riguarda la gestione clinica che economico-amministrativa. Da un punto di vista clinico, con la prima visita vengono valutati tutti gli aspetti relativi al benessere della salute orale del paziente. In particolar modo viene individuata la necessità o meno di trattamento ortodontico, il timing di intervento e, in presenza di fattori eziologici aggravanti la malocclusione, viene spiegato al paziente l’importanza di un approccio multidisciplinare che coinvolga altri specialisti quali l’otorino-laringoiatra, il foniatra e la logopedista. Il paziente viene, inoltre, motivato all’igiene orale e ad abitudini alimentari più sane e corrette.

La scelta del timing, cioè del miglior momento per iniziare il trattamento, è fondamentale: se il piccolo paziente ha necessità di un intervento ortodontico immediato, una seconda seduta viene dedicata alla raccolta della documentazione ortodontica (modelli, foto, radiografie); se, invece, il paziente necessita di trattamento, ma non è ancora il momento giusto per iniziare, verrà sottoposto a controlli periodici trimestrali o semestrali a seconda dei casi, fino a quando si deciderà che è pronto per iniziare. Queste scelte vengono motivate in modo esaustivo al paziente.

Infine, una terza è più importante seduta, di circa un’ora, viene dedicata al piano di trattamento. In questa seduta viene spiegato nel dettaglio, ai genitori del paziente e/o al paziente, la diagnosi ortodontica con l’ausilio di foto e video e vengono illustrate le diverse opzioni di trattamento, spiegando, con linguaggio semplice e comprensibile, i pro e i contro di ciascuna alternativa terapeutica, affinché il paziente possa aderire in modo quanto più possibile consapevole ed informato al piano di cura.
Tutti i casi sono documentati con scrupolo e tutta la documentazione è in ogni momento a disposizione del paziente.

Durante il trattamento, inoltre, al paziente vengono fornite tutte le istruzioni sia in forma scritta che orale, per il corretto utilizzo degli apparecchi e per il mantenimento di una corretta igiene orale.
Nel corso del trattamento, in alcuni specifiche fasi, vengono programmati colloqui informativi con il paziente o con i suoi genitori per documentarlo sull’andamento della terapia o per stabilire gli step successivi di cura; così come, in qualsiasi momento, siamo disponibili ad un colloquio con il paziente qualora ne avvertisse l’esigenza.
Per quanto riguarda l’aspetto economico, la segreteria amministrativa provvede a spiegare nel dettaglio il preventivo al paziente e a stabilire con il paziente la modalità di pagamento più idonea.

Il paziente al centro è uno dei grandi temi della sanità. Nel 2001 l’Institute Of Medicine ha decretato i criteri che la medicina con l’approccio del paziente al centro deve avere.
Quanto è importante per voi e in che modo coinvolgete il paziente per renderlo responsabilmente partecipe alla cura?

Mettere il paziente al centro comporta implicazioni su diversi piani. Prima di tutto il concetto di accoglienza e di accudimento: sin dalla prima visita il paziente si deve sentire accolto in un ambiente sereno, cordiale e allegro, questo è importante sia per i bambini che per gli adulti. La seconda implicazione è la disponibilità all’ascolto e la creazione di un rapporto di empatia con il paziente, che deve sentirsi compreso nelle sue problematiche e rassicurato nel percorso terapeutico intrapreso. Infine, l’aspetto forse più rilevante è quello di stabilire per ciascun paziente un piano terapeutico personalizzato e di coinvolgere il paziente, o se minore i suoi genitori, nelle scelte decisionali, informandolo dei benefici che derivano dal trattamento, delle possibili alternative terapeutiche e degli eventuali rischi, affinché il consenso sia realmente “informato”.

Il valore del sorriso è ormai noto, sia dal punto di vista funzionale (una corretta masticazione influisce direttamente sulla digestione e sugli equilibri muscolari e sulla salute dell’articolazione temporo-mandibolare) che dal punto di vista psicologico (il sorriso è la distanza più breve tra le persone).
Come si stabilisce il livello di complessità di un caso ortodontico?

Vari elementi possono contribuire definire la complessità di un caso ortodontico. In linea generale possiamo annoverare aspetti “tecnici” e aspetti relativi alla “gestione” psicologica del paziente. Per meglio spiegare quello che intendo, tra gli aspetti squisitamente tecnici che possono rendere complesso un caso, vi è la concomitante presenza di una discrepanza scheletrica, infatti, una malocclusione può essere esclusivamente dentale o associata ad un alterato rapporto tra il mascellare superiore e della mandibola, che contengono i denti. Tanto maggiore è la discrepanza scheletrica, tanto più lungo e complesso sarà il trattamento ortodontico-ortopedico e in taluni casi la risoluzione di questa discrepanza potrà richiedere un trattamento ortodontico-chirurgico, in cui l’ortodontista prepara le arcate dentarie ed il chirurgo maxillo-facciale attraverso un intervento modifica la posizione e la dimensione delle ossa mascellari, riequilibrando il loro rapporto.

Casi complessi sono anche quelli che richiedono un approccio multidisciplinare, cioè l’intervento dell’ortodontista e di colleghi esperti nelle diverse branche dell’odontoiatria (parodontologo, protesista-implantologo, odontoiatra estetico, chirurgo maxillo-facciale, fisioterapista etc.), ad esempio nei casi di agenesie, anchilosi, inclusioni dentali, perdita traumatica di denti, terapie preprotesiche in pazienti adulti, disfunzioni dell’articolazione temporo-mandibolare. Nel nostro centro possiamo avvalerci di un team di validi colleghi per la gestione di questi casi complessi.

Tra gli aspetti relativi alla gestione psicologica del paziente che contribuiscono a stabilire il livello di complessità del trattamento vi è sicuramente la collaborazione, che è fondamentale in ortodonzia. Il paziente adolescente è per l’ortodontista forse il più difficile da gestire, perché spesso non collaborante e scarsamente motivato e richiede una costante coinvolgimento motivazionale affinché non subisca il trattamento ortodontico come un’imposizione ma lo viva come una scelta e un’opportunità.

Un tratto che vi accomuna è il network multidisciplinare. A prescindere che esercitiate nei vostri studi o in consulenza presso altri professionisti, ogni socio Face conta su una rete di professionisti che interagiscono e si coordinano per il bene del paziente, affinché tutti gli aspetti di salute siano presi adeguatamente in carico e risolti contemporaneamente.
Quali sono i tratti distintivi dei professionisti Face Xp?

I professionisti Face Xp condividono prima di tutto la passione per questa meravigliosa disciplina che è l’ortodonzia e valori comuni di trasparenza e di rispetto dei pazienti; un percorso formativo comune, intrapreso inizialmente con il Dott. R. Roth e, poi, con il Dott. Cocconi; un aggiornamento continuo acquisito attraverso riunioni periodiche; un approccio basato su protocolli di trattamento collaudati predicibili ed efficienti; infine, l’utilizzo delle più moderne tecnologie e materiali di elevata qualità.

La sinergia tra i vari professionisti del network Face Xp, che mettono a disposizione degli altri membri le proprie competenze e conoscenze, accresce il livello di professionalità dei singoli professionisti e costituisce un enorme vantaggio per i pazienti, che possono contare su professionisti aggiornati su tutte le ultime novità in campo ortodontico.

In tutta Italia ci sono professionisti Face Xp che condividono questi valori e lo stesso approccio clinico, facilitando l’eventuale trasferimento di pazienti da un professionista all’altro in caso di cambio di residenza.

CHIEDI ALL’ORTODONTISTA

Hai un dubbio sulla salute orale? Scrivi, ti risponde un Esperto in Ortodonzia di Face Xp.

Accetto Privacy Policy
Tutti i campi sono obbligatori

SAI COME PRENDERTI CURA DEL SORRISO?

Scarica gratis gli opuscoli ortodontici! Gli Esperti in Ortodonzia Face Xp spiegano passo passo come avere cura della salute orale di adulti e bambini.