4 Settembre 2019

Le interviste di Face Xp: Dott. Paolo Acquaviva

di Redazione

Paolo Acquaviva esperto in ortodonzia

Uno dei valori della vostra associazione è la trasparenza nella relazione di cura con il paziente.
In che modo Lei imposta un rapporto trasparente di cura con il paziente e con la sua famiglia quando necessario?

Nel nostro studio si instaura un rapporto sempre trasparente con il paziente e/o i suoi genitori, cercando di dare tutte le informazioni necessarie perché possano essere comprese al meglio le problematiche e le possibili soluzioni.
Tutto ciò avviene sia in fase di prima visita, in cui si espongono per grosse le linee i problemi riscontrati e si propongono gli approfondimenti diagnostici necessari, sia al momento del consulto, con la consegna di una diagnosi ed un piano di cura scritti e spiegati al paziente e/o ai genitori, con un linguaggio comprensibile e privo di tecnicismi, con slide di casi analoghi e con video dimostrativi degli obiettivi del trattamento.
Nostra cura è fornire periodicamente degli aggiornamenti sui risultati delle cure durante il trattamento ortodontico e anche su eventuali difficoltà che si stanno incontrando e dei relativi rimedi adottati.

Il paziente al centro è uno dei grandi temi della sanità. Nel 2001 l’Institute Of Medicine ha decretato i criteri che la medicina con l’approccio del paziente al centro deve avere.
Quanto è importante per voi e in che modo coinvolgete il paziente per renderlo responsabilmente partecipe alla cura?

Il paziente è sempre al centro del trattamento, con le sue caratteristiche e peculiarità sia relative alla sua specifica problematica ortodontica, sia anche alla sua personalità e ai suoi obiettivi.

Ogni piano di cura, di conseguenza, si adegua alla peculiare situazione clinica di ogni paziente, che viene reso partecipe e coinvolto, direttamente o tramite i suoi genitori, nelle scelte cliniche. Questo atteggiamento è di grande aiuto nel mantenere sempre alta la motivazione e la collaborazione durante la cura, elementi fondamentali per il raggiungimento degli obiettivi prefissati.
Il paziente deve essere informato sulle difficoltà che presenta il suo specifico caso, sulle problematiche a cui potrà andare incontro e anche assistito in momenti psicologicamente difficili durante il trattamento, motivandolo nuovamente al raggiungimento degli obiettivi prefissati.

tal proposito la scelta del timing giusto dell’inizio della cura, in particolare se in età evolutiva, è fondamentale per renderla più efficiente, il più breve possibile e quindi meno gravosa per il paziente.

Il valore del sorriso è ormai noto, sia dal punto di vista funzionale (una corretta masticazione influisce direttamente sulla digestione e sugli equilibri muscolari e sulla salute dell’articolazione temporo-mandibolare) che dal punto di vista psicologico (il sorriso è la distanza più breve tra le persone).
Come si stabilisce il livello di complessità di un caso ortodontico?

Si tratta di una domanda che richiede una risposta articolata. Il primo problema è che l’attenzione dei pazienti o dei loro genitori è spesso focalizzata sui “denti storti”. Il nostro compito, tramite una diagnosi accurata ed approfondita, è quello di capire se ci sono anche altre problematiche e trasferire queste informazioni ai pazienti. Di frequente al semplice disallineamento dei denti o ad una malocclusione più grave, si associano discrepanze scheletriche o problematiche di ordine funzionale a carico dell’articolazione temporo-mandibolare e dei muscoli della masticazione, che aumentano notevolmente la complessità del caso.

A volte il trattamento ortodontico è il preludio o è funzionale ad una riabilitazione protesica, per motivi estetici e/o funzionali, ed in questi casi può essere alquanto laborioso e complesso raggiungere un risultato che metta il protesista nelle migliori condizioni per raggiungere i suoi obiettivi terapeutici.
Inoltre, non sempre la risoluzione della malocclusione comporta un miglioramento estetico del viso, anzi a volte può accadere il contrario, per cui il nostro compito, come specialisti di ortodonzia, è quello di anticipare questi possibili ricadute negative sul profilo del paziente, rendergliele chiare e condividere un piano di trattamento, che possa includere anche la chirurgia ortognatodontica, per dare una piena soluzione del problema.

Quindi stabilire la complessità del caso richiede una conoscenza anche di altre branche dell’odontoiatria ,nonché la possibilità di avvalersi della collaborazione di esperti in altri settori per potersi approcciare con un lavoro di squadra alla risoluzione di questi casi complessi.

Un tratto che vi accomuna è il network multidisciplinare. A prescindere che esercitiate nei vostri studi o in consulenza presso altri professionisti, ogni socio Face conta su una rete di professionisti che interagiscono e si coordinano per il bene del paziente, affinché tutti gli aspetti di salute siano presi adeguatamente in carico e risolti contemporaneamente.
Quali sono i tratti distintivi dei professionisti Face?

I professionisti Face Xp, oltre alle caratteristiche già enunciate, a mio parere rispondono a dei requisiti ben precisi. Si tratta di ortodontisti tecnicamente preparati, in virtù di anni di dedizione alla professione e al continuo studio ed aggiornamento, con una visione moderna dell’ortodonzia, che non si limita alla sola risoluzione della malocclusione, ma che tiene in considerazione l’estetica complessiva del viso, la salute del supporto parodontale, durante e dopo i movimenti ortodontici, e quella delle articolazioni temporo-mandibolari e dei muscoli della masticazione.

Inoltre, spesso lavorano in un team multidisciplinare, con un continuo confronto con professionisti parimenti evoluti in altre branche dell’odontoiatria, ma anche con otorinolaringoiatri e logopedisti a tutto vantaggio della qualità dei risultati per il paziente.
Non ultima è l’attenzione rivolta all’utilizzo di attrezzature all’avanguardia, che sfruttano le nuove tecnologie digitali, come radiografie tridimensionali con tecnica Cone-beam o impronte ottiche, per avere diagnosi sempre più accurate e procedure sempre più confortevoli e meno invasive per i pazienti.

Invia la tua domanda!

Ti rispondono gli Esperti in Ortodonzia di Face Xp.

Accetto Privacy Policy
Tutti i campi sono obbligatori