3 Maggio 2017

Abitudini viziate nel bambino: deglutizione atipica e respirazione orale

di Redazione

Disfunzioni dell’apparato masticatorio

Generalmente è nell’adulto che si riscontrano disfunzioni dell’apparato masticatorio (o apparato stomatognatico) ma talvolta è in alterazioni dello sviluppo durante l’infanzia e l’adolescenza che tali anomalie affondano le loro radici.
Due esempi classici di anomalie nel funzionamento sono costituiti dalla deglutizione atipica e dalla respirazione orale.

Deglutizione atipica

E’ necessario premettere che il neonato, nell’atto del deglutire, effettua una serie di movimenti volti essenzialmente alla suzione del latte; quando però compaiono i primi denti, la sequenza di movimenti cambia per adattarsi al cibo solido che viene introdotto con lo svezzamento e che andrà masticato. Una certa percentuale di bambini mantiene purtroppo la modalità neonatale di deglutizione e ciò può comportare un’alterazione nell’eruzione dentaria e nel posizionamento dei denti permanenti in arcata.

Respirazione orale

Un’altra problematica dall’elevato impatto è rappresentata dalla respirazione orale. Una respirazione corretta dovrebbe avvenire attraverso le vie nasali ed a bocca chiusa.

Numerosi bambini però soffrono di problematiche alle tonsille ed alle adenoidi con conseguente loro ingrossamento e concomitante restringimento delle vie aeree superiori. Ne consegue che il bambino trova più comodo e meno faticoso respirare attraverso la bocca, che deve quindi rimanere aperta e con la lingua in una postura bassa in modo da consentire il flusso dell’aria. Tale comportamento ha importanti conseguenze sullo sviluppo cranio facciale, che per semplicità possiamo riassumere in un eccesso di crescita verticale in lunghezza della parte inferiore del viso ed in un insufficiente sviluppo in larghezza del mascellare superiore, fenomeni che danno vita alla così detta facies adenoidea e che in alcuni casi possono anche determinare delle asimmetrie del viso.

Entrambe le suddette disfunzioni dell’apparato masticatorio, durante il periodo di crescita, impediscono il verificarsi di una serie di condizioni che rappresentano il prerequisito del buon funzionamento dell’apparato masticatorio, aumentando così il rischio di problematiche disfunzionali nell’età adulta.
E’ tuttavia vero che la perfetta morfologia di tutte le componenti del dell’apparato stomatognatico è una condizione “quasi sempre” necessaria, ma “quasi mai” sufficiente a proteggere il paziente dall’insorgenza di disfunzioni trattandosi, queste ultime, di patologie multi-fattoriali nelle quali entrano in gioco componenti fuori dal controllo dell’odontoiatra. E’ altresì vero che su quest’ultimo ricadrà sempre la responsabilità finale di cercare di ripristinare una normalità, quando tutti gli altri professionisti avranno escluso problematiche di loro competenza.

Invia la tua domanda!

Ti rispondono gli Esperti in Ortodonzia di Face Xp.

Accetto Privacy Policy
Tutti i campi sono obbligatori