6 September 2019

Incisivo inferiore: va estratto?

di Dr. Francesco Paolo De Luca

A mio figlio quindicenne è stato proposto di estrarre un incisivo inferiore per poi procedere con la preparazione dell’apparecchio ortodontico.
Quando era piccolo il dentista a cui ci riferivamo allora non aveva provveduto ad estrarre il dente da latte che non era caduto, nonostante fosse ormai uscito da tempo il dente definitivo, che quindi si è posizionato davanti a tutti gli altri.
Oggi l’ortodontista sostiene che altrimenti occorrerebbe estrarre due premolari inferiori e due superiori.
Quale sarebbe la scelta più corretta? – Aurelia

Risponde il Dott. Francesco Paolo De Luca, esperto in ortodonzia di Palermo

L’estrazione di un incisivo inferiore è una procedura perfettamente codificata che trova applicazione in quei particolari casi in cui si è sviluppato un disallineamento soltanto o principalmente inferiore, in presenza però di un valido ingranaggio dei settori posteriori.

La sua indicazione elettiva riguarda pazienti in cui è anche presente un modesto eccesso relativo di lunghezza della mandibola (arcata inferiore) rispetto al mascellare superiore.

Naturalmente non so se suo figlio appartiene a questa categoria di pazienti, ma la spiegazione datale dal suo ortodontista è assolutamente razionale, motivo per cui se la scelta delle quattro estrazioni dovesse apparire eccessiva in relazione al disallineamento presente nell’arcata superiore, l’estrazione di un incisivo inferiore rappresenta un valido compromesso.

Invia la tua domanda!

Ti rispondono gli Esperti in Ortodonzia di Face Xp.

Accetto Privacy Policy
Tutti i campi sono obbligatori