In quali trattamenti ortodontici è necessario espandere il palato?

di Redazione

c
Espansore palatale (video tutorial)

Quando l’ortodontista in un trattamento ortodontico prevede una fase di “espansione del palato” significa che lo spazio a disposizione  per la crescita di denti è insufficiente e/o che ci sono altre condizioni che possono trarre giovamento o risolversi con la fase di espansione del palato.

Per ottenere questo spazio, l’ortodontista applica un dispositivo che consente di intervenire sulla componente ossea del palato producendo un’espansione. 

In base alla diagnosi di malocclusione, al grado di contrazione del palato rispetto all’arcata inferiore ed in base all’età del paziente, l’ortodontista individua il livello di attivazione e la durata della fase attiva. 

L’attivazione avviene mediante un meccanismo di leva posto al centro del dispositivo che poggia sul palato. Le forze attivate mediante una vite si scaricano sui denti e internamente a livello osseo, provocando l’apertura della sutura palatina con ampliamento della volta palatale. 

I vantaggi conseguenti l’espansione palatale sono: 

  • riduzione di un eventuale cross bite (morso crociato o morso inverso);
  • riduzione dell’affollamento dentale;
  • miglioramento della pervietà delle vie aeree con benefici anche nel caso in cui il paziente soffra di Sindrome delle Apnee ostruttive del sonno (OSAS);
  • mobilizzazione delle suture dell’osso mascellare con possibilità di associare altre soluzioni per correggere le problematiche scheletriche nei tre piani dello spazio.

Il video tutorial di Face Xp

La fase attiva di espansione del palato dura circa un mese e deve avvenire in modo progressivo, per cui si chiede ai genitori di attivare in autonomia l’apparecchio.

A questa fase attiva, segue una fase di contenzione passiva per il mantenimento dei risultati ottenuti. Ogni ortodontista modula la fase attiva e la fase di contenzione passiva in base alle caratteristiche che ogni singolo caso presenta. 

La modalità di attivazione viene illustrata in Studio dall’ortodontista. Face Xp, per facilitare la comunicazione con la famiglia, ha realizzato un video tutorial che mostra la procedura su un modello in resina e direttamente nella bocca del paziente.

Fondamentale per la buona riuscita delle attivazioni e della buona gestione del dispositivo è la collaborazione del piccolo paziente e dei genitori nelle attenersi scrupolosamente alle raccomandazioni dell’ortodontista.