Digrignare i denti: un vizio da evitare

di Redazione

c

Stringere, serrare o digrignare i denti… stiamo parlando di bruxismo, il movimento che la mandibola compie nella masticazione, solo che avviene in modo involontario di notte e in assenza di cibo da triturare.

Nelle ore del sonno, temporaneamente privi del controllo cognitivo, scarichiamo le tensioni accumulate di giorno e digrignare i denti è un modo per ridurre lo stress. Questa parafunzione (cioè un movimento non finalizzato a uno scopo) è presente anche nei bambini piccoli ed è un disturbo piuttosto diffuso.

Si tratta di sfregamenti anche molto dannosi sia per i denti sia per tutte le componenti dell’apparato masticatorio (muscoli e articolazioni temporo-mandibolari).

Il digrignamento dei denti si può trattare con un bite funzionale di miorilassamento, un apparecchio ortodontico che viene posizionato tra le arcate dentali per ammortizzare gli sfregamenti ed aiutare a ridurre gli effetti di questo “vizio”.

Per approfondire il tema delle abitudini viziate dei bambini, scarica la Guida ortodontica gratuita realizzata dai nostri Esperti in Ortodonzia, clicca qui.