2 Dezember 2019

Apparecchio ortodontico: può causare carie o segni sui denti?

di Dr. Ilaria Rossi

Chiedo se l’apparecchio dentale con le placchette non sia, oltre che scomodo da portare, anche un pochino rischioso per lo smalto dei denti: come vengono assicurate al dente? La pulizia come è possibile durante la cura? E quando le placchette vengono tolte non c’è il rischio che restino segni sullo smalto oppure ombre o differenze di colore? – Ale

Risponde la Dott.ssa Ilaria Rossi, esperto in ortodonzia di Milano

L‘apparecchio ortodontico fisso multibrackets inizialmente può risultare fastidioso in quanto le guance e le labbra normalmente non sono a contatto con elementi metallici.
Dopo una fase di adattamento, che in genere ha una durata di qualche giorno, il fastidio regredisce.
In questa fase di adattamento ci si aiuta con la cera ortodontica che, posizionata sulle zone dell’apparecchio, forma un cuscinetto tra gli attacchi e le guance. Qualora si formassero tagli sulle mucose si possono eseguire applicazioni di alovex che riduce il dolore e favorisce la cicatrizzazione.

Per quanto riguarda l’applicazione delle „placchette“, queste vengono posizionate sui denti con materiali simili a quelli utilizzati per le otturazioni dentarie, ma a differenza di queste non viene rimosso tessuto dentario in quanto ovviamente non è presente una lesione cariosa.

L‘apparecchio ortodontico in sé non causa carie, certo rende più difficili le normali manovre di igiene orale che però possono essere ugualmente eseguite con spazzolini manuali/elettrici e in aggiunta con scovolini o spazzolini monociuffo. Senz’altro aumenta il tempo da dedicare alla pulizia dei denti e quindi è importante che il paziente sia collaborante.

Qualora l’igiene non sia adeguata solitamente si provvede a programmare sedute di igiene orale professionale unitamente ad una ulteriore spiegazione delle manovre di igiene domiciliare: è molto importante che queste vengano eseguite correttamente.
In assenza di un’adeguata igiene orale è possibile che si formino demineralizzazioni attorno agli attacchi ortodontici, ma queste lesioni non si verificano dall’oggi al domani, si verificano nel tempo in presenza di una igiene orale inadeguata.

Riguardo alla rimozione degli attacchi ortodontici sono stati eseguiti diversi studi in letteratura che hanno dimostrato come in presenza di strumenti adeguati sia possibile rimuovere gli attacchi senza danneggiare lo smalto dei denti.
Dopo aver rimosso l’attacco ortodontico, sul dente residua il materiale composito che realizza l’adesione; il materiale viene rimosso con strumenti rotanti e frese apposite che non intaccano lo smalto del dente.

Invia la tua domanda!

Ti rispondono gli Esperti in Ortodonzia di Face Xp.

Accetto Privacy Policy
Tutti i campi sono obbligatori