29 Januar 2018

Le interviste di Face Xp: Dott. Alessandro Carboni

di Redazione

Uno dei valori della vostra associazione è la trasparenza nella relazione di cura con il paziente.
In che modo lei e il suo studio impostate un rapporto trasparente di cura con il paziente e con la sua famiglia quando necessario?

Per noi la trasparenza è molto importante. Per questo, all’interno dello studio, investiamo diverso tempo nella presentazione dei piani di trattamento.
Il paziente deve aver chiare le fasi terapeutiche che andremo a percorrere insieme: le problematiche che il suo caso presenta, le strategie da attuare per superare le stesse, e soprattutto, vogliamo mettere in evidenza quali saranno gli obiettivi terapeutici da raggiungere.
Preventiviamo la durata della terapia e l’onorario, cercando soluzioni di pagamento personalizzate a seconda delle esigenze di ciascuno.
All’interno del nostro studio, a tutti i pazienti viene presentato ed illustrato il proprio piano di cura con l’ausilio di supporti atti alla comprensione (immagini, esempi di casi analoghi con relativa risoluzione, animazioni di supporto)
A ciascuno di loro viene consegnata una cartellina contenente foto, tracciati e relazione, con la relativa diagnosi e piano di trattamento previsto.
Congiuntamente viene anche consegnata una lettera informativa per il medico di base o pediatra e/o per l’odontoiatra di riferimento.
E‘ prassi dello studio un colloquio periodico con il paziente o con i genitori nel caso di minore, al fine di aggiornare sullo stato di avanzamento della terapia in corso.

Il paziente al centro è uno dei grandi temi della sanità. Nel 2001 l’Institute Of Medicine ha decretato i criteri che la medicina con l’approccio del paziente al centro deve avere.
Quanto è importante per voi e in che modo coinvolgete il paziente per renderlo responsabilmente partecipe alla cura?

La prima visita per noi è un modo di fare conoscenza con il paziente; in questa fase così delicata, ascoltiamo le sue richieste e spieghiamo quali sono i problemi clinici da risolvere.
E’ proprio in questo momento che viene illustrata al paziente l’individualizzazione del trattamento ortodontico, a seconda delle problematiche riscontrate, delle motivazioni e delle aspettative del paziente stesso.
Il paziente deve essere consapevole del fatto che non esiste un trattamento uguale ad un altro e che non sempre le sue aspettative, corrispondono ad una realtà ortodontica.

Nostro compito è coinvolgere il paziente nel progetto terapeutico più efficace e idoneo alla sua situazione.
Vengono quindi richiesti una serie di esami strumentali (Rx, Tac “cone beam”, montaggio in articolatore. etc.) al fine di avere un quadro clinico completo.
Può esserci la necessità di coinvolgere altri specialisti nella pianificazione della terapia.

Il paziente deve avere piena conoscenza di quale sia l’obiettivo e la finalità da raggiungere.
Sarà sempre al centro della nostra attenzione e dovrà sentirsi coinvolto e parte attiva del trattamento ortodontico; nostro compito sarà guidarlo e seguirlo passo passo nel raggiungimento degli obiettivi prefissi.

Il valore del sorriso è ormai noto, sia dal punto di vista funzionale (una corretta masticazione influisce direttamente sulla digestione e sugli equilibri muscolari e sulla salute dell’articolazione temporo-mandibolare) che dal punto di vista psicologico (il sorriso è la distanza più breve tra le persone).
Come si stabilisce il livello di complessità di un caso ortodontico?

Il caso più complesso a volte si può nascondere dietro ad un piccolo problema estetico. Quindi non vale il detto che più i denti sono storti e più sarà complesso il trattamento! La complessità di un caso ortodontico viene valutata utilizzando una serie di parametri che vanno coordinati tra loro, come l’analisi estetica, occlusale e funzionale.
Non potrà esserci un’occlusione di “prima classe” senza alcun affollamento se questo risultato andrà a penalizzare l’estetica del viso del paziente o ancora darà un’instabilità a livello muscolare e articolare.
Un’attenta analisi delle componenti estetiche del viso, una valutazione dello stato articolare che escluda segni e sintomi di disfunzione (click, rumori articolari in genere, deviazioni o limitazione dei movimenti in apertura e lateralità, cambiamenti di forma)
servirà ad indirizzarci verso il trattamento ideale per il nostro paziente.
Nel bambino questo significherà un’attenta analisi dei parametri di crescita al fine di intercettare possibili anomalie di sviluppo.
Sarà per noi fondamentale intraprendere una terapia avendo chiaro ogni elemento che possa, se non considerato, inficiarne il buon risultato.

Un tratto che vi accomuna è il network multidisciplinare. A prescindere che esercitiate nei vostri studi o in consulenza presso altri professionisti, ogni socio Face conta su una rete di professionisti che interagiscono e si coordinano per il bene del paziente, affinché tutti gli aspetti di salute siano presi adeguatamente in carico e risolti contemporaneamente.
Quali sono i tratti distintivi dei professionisti Face Xp?

Le continue novità del settore rendono la nostra professione e la nostra specializzazione dipendente dal costante aggiornamento.
Ciò accresce le nostre conoscenze e si traduce in capacità e professionalità nell’approccio con il paziente.
Grazie all’aggiornamento continuo nelle più importanti sedi culturali, utilizzo di mezzi diagnostici all’avanguardia, confronto con altri specialisti in ambito odontoiatrico, siamo in grado di proporre ed affrontare le terapie più adatte alle problematiche di ciascun paziente, profusi in un impegno costante che ha come scopo la tranquillità e la soddisfazione del paziente stesso.
All’interno del nostro studio vengono utilizzati routinariamente, ma a seconda delle necessità del caso, Analisi 3D, Laser, programmi di cefalometria computerizzata.
Il nostro personale segue un percorso continuo di aggiornamento su processi di sterilizzazione e di approccio al paziente.
Lo studio si avvale inoltre della collaborazione continua di pediatri, otorino, logopedisti, fisioterapisti, chirurghi maxillo-facciali, protesisti e parodontologi, necessari alla finalizzazione dei nostri casi.

Invia la tua domanda!

Ti rispondono gli Esperti in Ortodonzia di Face Xp.

Accetto Privacy Policy
Tutti i campi sono obbligatori