Le interviste di Face Xp: Dott. Andrea Compri

di Redazione

Andrea Compri esperto in ortodonzia

Uno dei valori della vostra associazione è la trasparenza nella relazione di cura con il paziente.
In che modo lei e il suo studio impostate un rapporto trasparente di cura con il paziente e con la sua famiglia quando necessario?

Per noi è fondamentale avere con il paziente un rapporto di massima trasparenza per raggiungere assieme a lui i migliori risultati possibili. La terapia ortodontica è un cammino che può diventare difficile, se percorso dal solo ortodontista, i migliori risultati infatti si ottengono con la partecipazione e collaborazione del paziente.

Durante la consultazione cerchiamo di essere il più possibile precisi nel descrivere la terapia e i suoi tempi. Riteniamo molto utile mantenere informati sull’andamento delle nostre terapie anche i pediatri, i medici di base ed i dentisti che collaborano con noi e ci inviano i loro pazienti per le cure ortodontiche. Per questa ragione, quando esponiamo la diagnosi ed il piano di trattamento diamo, di norma, una lettera di accompagnamento al paziente da consegnare a questi colleghi.

In sala d’attesa sono presenti brochure informative sulle principali malocclusioni.

Durante la prima visita viene sempre enfatizzata l’importanza di mantenere una perfetta igiene orale; quindi, prima di iniziare un trattamento ortodontico viene proposta un’igiene orale professionale, con istruzione all’igiene quotidiana, e viene fatto un controllo generale della salute orale con l’esecuzione di radiografie endorali, per escludere eventuali carie. Durante queste sedute, eseguite da dottoresse laureate in igiene orale, vengono insegnati i comportamenti che devono essere mantenuti dai giovani pazienti quando sono in trattamento ortodontico attivo.

Nell’interesse del paziente, è nostra cura, inoltre, sottolineare che se durante il trattamento ortodontico si riscontra una cattiva igiene orale, che mette a rischio la salute orale, possono essere messe in atto misure di prevenzione straordinarie fino ad arrivare all’interruzione anticipata della terapia.

 

Il paziente al centro è uno dei grandi temi della sanità. Nel 2001 l’Institute Of Medicine ha decretato i criteri che la medicina con l’approccio del paziente al centro deve avere.
Quanto è importante per voi e in che modo coinvolgete il paziente per renderlo responsabilmente partecipe alla cura?

Credo che la diagnosi ed il piano di cura nei trattamenti Face XP siano il nostro vero punto di forza. Siamo arrivati ad una accuratezza tale nel prospettare le nostre diagnosi ed i nostri piani di trattamento, da permetterci di affermare che i nostri trattamenti basati sull’evidenza scientifica sono altamente predicibili.

L’estetica ha assunto un significato primario perché, come dico sempre, tutti gli ortodontisti mirano ad una buona occlusione ma non molti coniugano questo obiettivo con l’estetica oro-facciale.
In una odontoiatria moderna, l’interdisciplinarietà, ovvero la capacità dei vari professionisti di correlarsi e condividere la propria esperienza ed i propri obiettivi, è cosa imprescindibile. Per questa ragione ci avvaliamo della collaborazione di numerosi colleghi anche non interni al nostro studio. Una collaborazione di cui andiamo molto fieri è quella con i chirurghi maxillo-facciale della clinica odontoiatrica dell’Università di Verona, presso la quale lavoro io stesso.

Noi vogliamo che i nostri pazienti, di qualsiasi età, siano pienamente coinvolti nella terapia; per raggiungere questo obiettivo illustriamo fotografie di trattamenti eseguiti da noi, simili a quello che ci accingiamo ad iniziare.
La visione di casi sovrapponibili al proprio è in genere molto gradita, perché permette al paziente, di qualsiasi età, di immedesimarsi nella terapia e di calarsi nelle sue difficoltà. Per mantenere alto il coinvolgimento del paziente, a maggior ragione se giovane, durante la terapia è nostra abitudine convocare i genitori ed il bambino nella parte amministrativa dello studio dove vediamo assieme, con fotografie ed eventualmente radiografie, l’andamento della terapia. Anche per i pazienti più giovani poter vedere i miglioramenti che di mese in mese avvengono, diviene uno stimolo di formidabile efficacia alla collaborazione.
La chiarezza nella diagnosi, nel piano di trattamento, negli obiettivi che ci prefiggiamo ed il continuo aggiornamento delle fasi di terapia fanno in modo che le incomprensioni tra ortodontista e paziente siano sempre più ridotte se non portate a zero.

 

Il valore del sorriso è ormai noto, sia dal punto di vista funzionale (una corretta masticazione influisce direttamente sulla digestione e sugli equilibri muscolari e sulla salute dell’articolazione temporo-mandibolare) che dal punto di vista psicologico (il sorriso è la distanza più breve tra le persone).
Come si stabilisce il livello di complessità di un caso ortodontico?

Alla fine di un trattamento ortodontico, ottenere un risultato eccellente è una grandissima soddisfazione per ogni ortodontista.

Nella Grecia antica si identificava il bello con ciò che era buono e funzionava bene, se accettiamo ciò, un bel sorriso è dunque il punto d’arrivo di una bocca sana e che funziona bene; ma cosa significa funzionare bene e come ci si può arrivare?

Il raggiungimento di risultati d’eccellenza, in qualsiasi campo, dipende da anni di applicazione e studio. Il complesso stomatognatico (parola molto complessa che indica semplicemente l’insieme dei componenti della bocca e dell’articolazione mandibolare) è estremamente raffinato ed il suo buon funzionamento è frutto di un insieme di movimenti muscolari finissimi ed in equilibrio tra loro. Tutto questo sistema così complesso deve lavorare perfettamente nel viso del nostro paziente; non serve avere i denti perfettamente allineati ed un bel sorriso, se tutto ciò non è calato in un viso che sia armonioso e coerente con l’occlusione ottenuta.
Non sarebbe possibile ottenere questa sintesi meravigliosa se la nostra preparazione non fosse particolarmente indirizzata in questa direzione, per questa ragione, noi componenti del gruppo Face XP, abbiamo seguito un lunghissimo ed omogeneo percorso formativo, fatto di parti teoriche parti pratiche e di continui scambi di esperienze.

Con l’esperienza maturata possiamo, quindi, identificare i casi più difficili da trattare. Nella mia esperienza trovo molto complesso dover ritrattare l’occlusione di un adulto che è ha già subito un trattamento ortodontico incongruo. Sono situazioni che si presentano frequentemente, e l’abilità dell’ortodontista sta nel restituire al paziente adulto un apparato stomatognatico bilanciato, funzionante e esteticamente valorizzato per il suo viso.
E’ complesso anche trattare quei ragazzini, il cui trattamento ortodontico è caldeggiato dai genitori ma accettato con molto poco entusiasmo. In questi casi, è opportuno conquistare prima la fiducia e coinvolgimento personale.
Nelle mani di un ortodontista esperto, l’aspetto biomeccanico del trattamento è gestito da competenza e abilità acquisite, mentre la sfera psicologica del paziente è gestita in collaborazione e con il supporto del nostro staff.

 

Un tratto che vi accomuna è il network multidisciplinare. A prescindere che esercitiate nei vostri studi o in consulenza presso altri professionisti, ogni socio Face conta su una rete di professionisti che interagiscono e si coordinano per il bene del paziente, affinché tutti gli aspetti di salute siano presi adeguatamente in carico e risolti contemporaneamente.
Quali sono i tratti distintivi dei professionisti Face Xp?

Interdisciplinarietà è una parola che viene sempre più usata nell’ambito odontoiatrico, è infatti con l’alta specializzazione richiesta in tutti i campi, che è possibile ottenere risultati orientati all’ eccellenza.  Face XP è anche un network, ovvero una rete di comunicazione tra i suoi professionisti dove è possibile condividere i casi clinici, le novità ortodontiche e i commenti sulla nostra professione sempre seguitissima da tutti noi.

Gli strumenti tecnologici di cui siamo dotati (laser, scanner intraorale, TAC) sono un ottimo ausilio, ma nulla, a mio avviso, può sostituire la professionalità e l’entusiasmo del singolo. Il continuo scambio di informazioni professionali è fonte di grande aggiornamento e di stimolo per ognuno di noi.

CHIEDI ALL’ORTODONTISTA

Hai un dubbio sulla salute orale? Scrivi, ti risponde un Esperto in Ortodonzia di Face Xp.

Accetto Privacy Policy
Tutti i campi sono obbligatori

SAI COME PRENDERTI CURA DEL SORRISO?

Scarica gratis gli opuscoli ortodontici! Gli Esperti in Ortodonzia Face Xp spiegano passo passo come avere cura della salute orale di adulti e bambini.